Ark.inU blog

Rem in gòndoa.

1

E' ufficiale! oggi è arrivata la notizia al grande pubblico. Il prossimo curatore della Biennale di Architettura veneziana sarà Rem Koolhaas. OH THE IRONY… proprio dopo aver ricevuto un sonoro "no" per il suo progetto per il Fondaco dei Teschi, il nostro caro Rem si ritrova a capo della più importante manifestazione sull'architettura, sarà mica stato una specie di "contentino"?… mah… Certo è che la cosa è strana. Il progetto del Fondaco è stato un problema sin dall'inizio… anzi sembra che ogni progetto sia un problema a Venezia, la città che più promuove ed incarna lo spirito dell'architettura, è anche quella che la teme di più… il mondo è davvero strano. Comunque per concludere, il caro presidente Baratta e il consiglio di amministrazione tutto, hanno fatto una buona scelta… vediamo cosa porterà l'Archi-Star alla Biennale e se sarà in grado di soddisfare le esigenti bocche saccenti che per ben tre edizioni di seguito si sono lamentate della qualità della mostra. Rem ha dichiarato:

“Vogliamo dare uno sguardo nuovo agli elementi fondamentali dell'architettura – utilizzati da qualsiasi architetto, ovunque e in qualsiasi momento – per vedere se siamo in grado di scoprire qualcosa di nuovo sull’architettura”.

….. e ci risiamo….  

Venezia 2019.

1

Inizia oggi a Venezia il Salone Europeo della Cultura (…e poi Venezia puzza) che si terrò ai magazzini Ligabue, per chi è pratico, giusto affianco alla sede dello IUAV -non la Tolentini ovvio-. Il Salone sarà aperto per 3 pienissimi giorni ricchi di programmazione e di eventi, per sapere il calendario completo visitate il sito dell'evento.  Il salone è divisino in 4 sezioni: beni culturali, Open design, Restauri e Nuove tecnologie per la cultura. Ovviamente il titolo dell'evento si riferisce alla candidatura di Venezia a Capitale Europea della cultura per il 2019, una occasione che non deve esser persa… almeno speriamo. 

Biennale 2012 – The making of.


Eccoci! ricomincia una nuova stagione anche per noi e partiamo subito dedicando diversi post ad uno degli eventi culturali più importanti del settore. La biennale di architettura passata ha portato a Venezia il numero record di 150.000 persone per l’evento e si spera che anche quest’anno si ripeta altrettanto. Quest’anno come avevamo già anticipato prima delle vacanze il curatore sarà niente di meno che David Chipperfield e la biennale si intitolerà “Common Ground”. Per inaugurare questo lungo periodo che dedicheremo alla Biennale partiamo subito con un video che il comitato della biennale ha pubblicato sul proprio canale YouTube. Effettivamente quest’anno dovremmo vedere un ancor maggior uso dei social durante l’esposizione dato che ormai sono parte integrante di qualsiasi evento collettivo. Vediamo il video del making of della mostra, dove possiamo già sbirciare alcune cosette…

Art Night Venezia 2012.


Anche quest’anno arriva l’attesa Art Night veneziana. Il 23 giugno Venezia si illuminerà per una notte lasciando musei e palazzi aperti e gratuiti! Le celebrazioni per l’Art Night inizieranno alle 17.00 presso l’università Cafoscari dove Ottavia Piccolo (attrice) inaugurerà la notte con delle poesie di Wislawa Szymborska, poetessa polacca recentemente scomparsa.
Il programma è vastissimo e i musei e centri da visitare sono innumerevoli, esiste anche l’app gratuita dedicata all’evento che potete scaricare dall’iTunes App. Store, grazie alla quale l’evento sarà commentato live su facebook, Twitter e istagram. Visitate il sito per sapere nel dettaglio musei, palazzi, enti e trasporti gratuiti.

Biennale 2012 – Teaser.


Ci siamo anche quest’anno! Dal 29 agosto al 25 novembre si terrà la Biennale di Architettura. Direttore artistico di quest’anno David Chipperfield. Il titolo della Biennale sarà “Common Ground”, terreno comune. Dove l’architettura è simile in tutto il mondo, perché è quello che è; architettura. Common Ground è anche una riflessione sulle conoscenze e su come questo mestiere vecchio come il mondo stia cambiando così rapidamente. Cos’è il costruire, cos’è l’architettura… quella vera. Una archistar che non vuole parlare di archistar… Tanta carne al fuoco insomma, polemiche poche per ora ma diamo tempo al tempo. Sicuramente assisteremo ad un Biennale molto pacata, ordinata, forse austera… molto british insomma…. tanto è un clima a cui siamo abituati ormai…

Venezia dice no a Rem.

Lo studio OMA sta elaborando il mega progetto veneziano per il nuovo Fondaco dei teschi. Il poblema è sorto all’ultima revisione con il comune il quale ha troncato l’audace proposta di Kolhaas di realizzare una terrazza panoramica sul tetto del palazzo. Il palazzo sarà convertito in un edificio commerciale, il primo vero centro commerciale di Venezia. Il progetto di OMA si basa su piccoli interventi vistosi e una ristrutturazione totale, ma il comune non consente che venga realizzato il pezzo forte, la prima e unica terrazza panoramica sul Canal Grande. Il comune argomenta dicendo che ha acconsento alla famiglia Benetton, proprietaria, il cambio di destinazione ma interventi troppo vistosi non sono ammessi perché non consoni alla città….. brucia ancora la ferita “Calatrava” e’?????…..

[fonteimmagini: OMA]

Chipperfield curatore biennale 2012?

Rimane una illazione, ma sembra proprio che sia così, David Chipperfield, il pluripremiato archistar inglese sarà il curatore della Biennale di Architettura 2012. La commissione della Biennale ha corteggiato Chipperfield per mesi e sembra che ora abbia ceduto. Ora resta da chiedersi cosa porterà David alla Biennale; Chipperfield si contraddistingue per la sua sobrietà, eleganza e minimalismo di forme e materiali, avremo quindi una Biennale sottotono, meno confusionaria e più sobria? Molto inglese? …non c’è dato sapere ancora… ovvio che la storia non finisce qui…

[fonte: archiportale]