Ark.inU blog

Salone 2012 – Le conclusioni.


Anche quest’anno ci sono riusciti, anche quest’anno Milano continua a vestirsi a festa per celebrare qualcosa di così effimero come i mobili. Tutto quello che concerne la vita culturale di quella città sembra essere effimero, come una bolla che compare in una metropoli iper-cementificata per poi scoppiare dopo pochi giorni. Forse un Salone diverso quest’anno dopotutto, si certo l’opulenza c’era, c’era il lusso sfrenato… ma come nella società odierna il lusso sfrenato si accompagna all’umiltà… e così è accaduto anche al Salone. Bisogna essere più minimalisti in un momento del genere ha detto Starck durante l’evento Kartell, bisogna fare di meno, ma fare con la testa. Abbiamo visto poi come le forme del design contemporaneo continuino a ispirarsi a quello che è senza dubbio il sacro grall del design, mi riferisco al Mid-Century, lo stile che divenne il Moderno. Queste sinuosità, questi materiali sempre più utilizzati in purezza riportano alla mente proprio quel periodo. Cassina ripropone i classici a colori, Moroso festeggia i sessant’anni in un padiglione disegnato dalla Urquiola, Kartell presenta pezzi rieditati come le Andrey o la Mademoiselle di Stack vestita da Lenny Kravitz. Foscarini presenza nuovi pezzi con Nichetto, Massaud e Iacchetti. Frau cerca di fare il “letto economico”, ma fallisce miseramente. Lago continua con il concetto di design-gioco e presenta dei pezzi molto simpatici come la sedia e sgabello a molla e i tappeti componibili. Anche Arflex guarda al suo celeberrimo passato rieditando i classici, tipo la poltrona Fiorenza di Zanuso, sempre consci del discorso “Mid-Century” fatto sopra; e così via discorrendo… questo è stato il trend… poche innovazioni e molto rivedere cosa è stato fatto. Così si è chiuso anche quest’anno il Salone del Mobile; cosa ci aspetta il prossimo?… in un anno può cambiare tutto, stiamo in allerta, nessuno può mai dirlo ma senza dubbio il design deve essere sempre più responsabile dal punto di vesta ambientale far capire al consumatore che una sedia è un pezzo di terra, un albero, tanta acqua e molto inquinamento, meglio essere consapevoli di ciò e poi ripartire da qui.

Salone 2012 – IKEA PS.


IKEA lo ha dichiarato, ama moltissimo l’Italia, uno dei suoi migliori produttori e uno di quei paesi che capisce meglio il buon design. Al Salone di quest’anno IKEA ha presentato la nuova collezione PS, l’ultima era stata presentata nel 2009. La nuova collezione di design non convenzionale è ispirata ad alcuni pezzi cult o pezzi dimenticati degli anni 50-60 di IKEA. Grande rivoluzione è la televisione integrata al mobile, così da nascondere fili e cavi. Lampade stile retro integrate con illuminazione LED, sedie e tavoli realizzati con materiali ultra riciclabili e poi ancora, poltrone impilabili e divani tavoli dove piantare fiori. Anche il gigante del mobile democratico trova dunque il suo posto al Salone del mobile, proponendo oggetti di altissima qualità e dal design eccellente.







Salone 2012 – Il fenomeno Nendo.


Se la lezione giapponse, o la scuola giapponese (qualcuno potrebbe uccidermi per certi termini) ci ha insegnato qualcosa è che Mies aveva ragione. Il meno è più. Nendo, famoso e promettente designer giapponese a tutto campo, di rinfresca sempre la lezione, che la sua estrema semplicità; che a volte irrita i nervi. Durante il la settimana del Salone, oltre che ad esporre prodotti per Moroso, ed aver realizzato il Temporary Museum of design in zona Tortona, è in mostra a Palazzo Visconti con il titolo “Trial and Error”. La mostra si basa sugli oggetti della collezione “1%” che verranno prodotti solo in 100 esemplari e che non sono sicuramente il massimo della comodità… torna il concetto di “Design-Art”, il design non più per tutti ma per pochi… ecco forse spiegato il nome “1%”.



[fonteimmagini:desingerblog]

19 April 2012 | Ark.inU Contests

Salone 2012 – Vitra e G-Star Raw.


Come accade per Moroso e Diesel, anche Vitra e G-Star Raw stanno collaborando per una linea di mobili abbinabili alle filosofia di entrambe le case produttrici; un trend abbastanza significativo questo delle collaborazioni. Lo stile mid-century di Vitra si presta bene anche ad interpretare la modernità di G-S R, dando vita ad una collezione davvero degna di nota.

[fonteimmagini:apartamenttherapy]

18 April 2012 | Ark.inU Design

Salone 2012 – E salone sia!

Il primo giorno è quello delle interviste con i grandi capi, anche designers, ma molto spesso si cercano il presidente della regione o l’imprenditore di fama… ma oggi inizia la vera festa, le prime notizie interessanti cominciano a filtrare vediamone alcune:

Tom Dixon dice di non essere un designer, ma le sue opere sono sempre degne di nota, questa lampada “Etch” è un connubio tra geometria e poesia, tra prisma e lanterna.

L’istallazione di Naohiko Mitsui per Lumiotec è una fantastica illusione ottica per giocare con i pannelli di luci OLED.



Mentre in Zona Tortona al FuoriSalone, Foscarini gioca con le ombre e le forme nello show-room sempre realizzato da Superstudiopiù.
Questo è solo l’inizio! ancora sei giorni di design ci aspettano!!!
[fonteimmagini.designerblog]

Salone 2012 – Intro.

02_12_ConferenzaStampa_CIM-1
Manca poco meno di una settimana al Salone Internazionale del Mobile di quest’anno! Noi come al solito dedicheremo una settimana all’evento, avremo anche una persona sul posto. Tra le tante novità quest’anno la celeberrima Moroso, compie 60 anni, quindi le celebrazioni non si faranno di certo mancare. Vi terremmo informati sulle novità più interessanti! Se andate al Salone ricordatevi si scaricare la app. ufficiale, disponibile sia per iOX e Android. Per altre informazioni consultate il sito! A presto dunque!