Ark.inU blog

4 July 2012 | Ark.inU Design

Tech-garden.


Il concetto di pubblica utilità è molto vecchio. In tempi passati le fontane fornivano acqua potabile ai cittadini, poi con l’avvento della tecnologia le cabine telefoniche sparse per la città hanno messo in comunicazione le persone anche fuori casa… ora con internet la velocità di scambio di informazioni e i limiti spaziali sono infiniti… sebbene esistano ancora delle limitazioni… il wi-fi non è libero ovunque e non è possibile per tutti avere degli hot-spot personali… come fare? In una città ci sono molte panchine, la gente vi si siede per rilassarsi o per attendere mezzi ecc… quindi è un ottimo approdo per internet. Il progetto lo hanno sviluppato Mathieu Lehanneur con JCDecaux (agenzia di arredo urbano francese), si tratta ancora di un prototipo ma è del tutto attivo a Parigi in un parco vicino Champs-Elysées. Sedute dotate di connessione wi-fi e una pensilina iper tecnologica per coprire il tutto, con tetto verde e pannello interattivo… forse leggermente appariscente, ma il design è molto curato e l’utilità è indubbia, sebbene ancora limitante.

La costruzione in un mito.




In una Europa del 1968 presa dai tumulti dalla rivoluzione degli studenti, nasce nella mente del presidente francese George Pompidou l’idea di costruire un simbolo culturale nella città. Il simbolo della modernità nel mezzo del quartiere latino, un monolite alla cultura e nonché il suo cenotafio. Saranno Renzo Piano e Richiard Rogers nel 1969 ad iniziare i lavori di quello che sarebbe stato uno dei monumenti della contemporaneità. Il Centre Pompidou non è solo un museo, è un simbolo e con queste foto d’epoca, in questo periodo decisamente di grandi cambiamenti, vediamo come un’opera architettonica sia ora come sempre il fulcro di una coscienza collettiva. Il cambiamento è possibile.



10 January 2012 | Ark.inU Architecture

Il tappeto volante.


Il dipartimento di arte islamica del Louvre è aperto. Il “tappeto volante” degli studi Ricciotti e Bellini è stato da poco ultimato nella “Corte Visconti”. Il tappeto è composto da centinaia di mesh di vetro ricoperte da una maglia metallica dorata, che grazie alla loro forma si adattano alle variazioni della struttura, ricreando un ideale tappeto volante. E’ una struttura enorme sostenuta da solamente 8 pilastri sottili Sono passati ben 25 anni dall’ultimo intervento di architettura contemporanea all’interno del museo, quando la piramide, o meglio le piramidi, di Pei fecero capolino.




Parigi vs New York 2.

Continua l’amichevole tra N.Y. e Paris… in questo round finale vediamo delle stupende immagini di RedglassPictures, che registra il movimento, il feeling delle due metropolitane… la metrò e la subway, ma soprattutto la particolare prospettiva che le città regalano uscendo dal terreno, una cosa unica che sono in metropoli come queste, o Londra o Tokyo si riesce a vivere una città nella città la metrò… poi quando si esce dal buio, dal vapore, dalla puzza della subway vedere l’Empire State Building è come aver conquistato un nuovo mondo, una sensazione che si ripete ancora e ancora… io non riuscirò mai a decidere quale delle due città sia la vincitrice… se invece voi pensate di sapere chi sia il vincente aspettate di vedere queste meravigliose immagini.

29 September 2011 | Ark.inU Design

Parigi vs New York 1.

Sono entrambe stupende, città da studiare per l’architettura e la pianificazione. Capitali dell’arte, della moda, dove vivono e lavorano i più grandi maestri del cinema e i più grandi artisti. Se la sono sempre giocata loro due. Una la città europea, vecchia e lussuosa dove le case rispecchiano una casta sociale e le usanze la decretano una delle città dell’amore e per chi ama l’arte. L’altra moderna, un fulmine, sempre attiva, con i grandi edifici moderni e un turbinio di razze e usi, una città per chi vuole essere un artista e per chi cerca l’more. Una città non è solo strade e palazzi è molto più. Una città è scambio e interazione tra le persone. Questo articolo è diviso in due parti. Oggi vedremo delle stampe Vahram Muratyan, grafico francese, che con il suo design minimalista mette a confronto le due città con tanta ironia e maestria. Domani il secondo round del mach…