Ark.inU blog

21 December 2012 | Ark.inU Info

Saluti di fine anno!

1

Eccoci! E' l'ultimo post del 2012! Ci rivediamo nel 2013 con una marea di novità già in cantiere da tempo! E' stato un anno di grande crescita per il blog e quindi non posso far altro che ringraziare chi continua a seguirlo e a partecipare! Il 2013 come ho detto porterà numerose novità, alcuni cambiamenti tecnici e altre cosette simpatiche, ma non vi anticipo nulla (anche per scaramanzia!).

Continuate a seguirci!!! BUONE FESTE CI RIVEDIAMO LUNEDI' 7 GENNAIO!!! 

27 April 2012 | Ark.inU Info

Il colore dell’universo.

Vi siete mai chiesti se l’universo sia verde, rosso o blu? La NASA lo ha fatto e dopo aver esaminato 200,000 galassie ha sintetizzato il colore dell’universo. Quello che vedete qui sotto è il colore dell’universo. Delusi? Naturalmente questo non è un dato assoluto poiché l’universo come sappiamo cambia, si modifica, si espande, anche la sua temperatura è cambiata ovviamente. Gli scienziati della NASA hanno dichiarato che l’universo si sta “scolorendo” perché è plausibile che prima fosse molto più rosso. “Cosmic Latte” è il nome scelto grazie ad un apposito concorso per nominare il nuovo colore, sintesi del colore della luce proveniente dalle galassie. Ora sono sicuro che alla Pantone si stanno leccando i baffi.

19 April 2012 | Ark.inU Info +Ark.inU News

Ark.inU on Google Currents!

E’ ufficiale!!! Da oggi puoi scaricare Google Currents sul tuo Android O iOS e seguire Ark.inU Blog da ogni device portatile!!!!!!! Vi ricordo che il blog ha anche una app Nokia dedicata, la trovate sull’Ovi Store Nokia!!!

on currents.001

6 February 2012 | Ark.inU Design +Ark.inU Info

Condomo8.


Dobbiamo farla finita con i tabù, questo è poco ma sicuro; e i paesi scandinavi che sono i più geniali, (seriamente geniali, non geniali stile copiatura) non deludono mai con le loro trovare. In Svezia è iniziato un programma che si chiama “Safe Sex QR code” ovvero sesso sicuro con i QR code, che per chi ancora non lo sapesse sono i codici bianco e nero che gli smartphones possono tradurre in informazioni. Bene. Le statistiche dicono che i giovani svedesi non praticano sesso sicuro come il resto d’Europa, però quasi tutti possiedono uno smartphone. La campagna “CONDOMO8″ di prevenzione può iniziare da questi, che i ragazzi guardano 12 ore al giorno. Due semplici passi dunque: distribuire preservativi gratuiti con il codice QR sulla confezione, scaricare l’app che permette di gestire il sistema ed ecco fatto. Nel giro di pochi giorni questo nuovo network rivoluzionario ha cambiato il modo dei ragazzi di comprendere il sesso sicuro, trasformandolo anche in qualcosa che non fa nascosto ma anzi condiviso… vi lascio al video, niente paura non è vietato ai minori… Questo ci serve a capire che il designer non deve pensare agli oggetti, ma alle interazioni! chi se ne frega delle sedie se la gente vuole stare in piedi!…. o sdraiate….

23 December 2011 | Ark.inU Info

Buone Feste!

Ark.inU Blog Vi augura Buone Feste!!! Ci rivediamo Lunedì 9 Gennaio!!!
natale 2011.001

La conoscenza in fiamme.


Le notizie sono molte e molto spesso si predilige passarne una bella per una orribile, ma purtroppo non si possono chiudere gli occhi davanti certi avvenimenti. Durante le rivolte in Egitto, il 18 dicembre scorso, le molotov hanno colpito anche La biblioteca dell’Istituto d’Egitto, formato da Napoleone nel 1798. L’edificio conteneva 200.000 volumi rari e unici sul pianeta. La perdita, ha dichiarato il ministro della cultura egiziano, è immensa, l’intera umanità ha perso una parte della sua conoscenza scientifica, una ferita difficile da rimarginare, per il mondo intero ma soprattutto per l’Egitto in particolare. I rivoluzionari ora cercano di salvare il possibile, sperando che le tecniche avanzate di restauro che ora abbiamo possano restituirci almeno parte del patrimonio immenso che abbiamo perso. Purtroppo anche questo è il prezzo della libertà.

Steve Jobs.

1955 – forever.

RIP DEAR MIND.

Questa mattina si è appresa una notizia orribile, l’ultimo programma culturale di alto livello della RAI ha chiuso. Passepartout il programma di cultura più seguito d’Italia, chiude.

Queste le parole di Philippe D’Averio, conduttore del programma, persona straordinaria e incredibilmente colta, che affronta questa ingiustizia con grade classe ed ironia. Io ho avuto il piacere di incontrare D’Averio con alcuni amici a Venezia mentre filmava una puntata, una della ultima serie, e mi sento fortunato di aver fatto la sua conoscenza solo per pochi secondi, perché persone del genere sono molto rare e che la più grande emittente televisiva italiana non se ne accorga è davvero disgustoso.

“E’ improvvisamente mancato Passepartout, nel pieno della sua salute. Lo compiangono la redazione tutta e centinaia di migliaia di affezionati suoi seguaci”. A dare l’annuncio è Philippe Daverio, creatore e conduttore del programma di Rai3, in una nota definita con sarcasmo “certificato di decesso” della trasmissione. La causa, spiega Daverio, “é da ascriversi probabilmente ad una pallottola vagante sparata durante il riordino amministrativo recente della Rai che si è trovata costretta a passare dall’ordinamento privato della sua gestione a quello pubblico più consono alle risorse erariali che la alimentano. Infatti da due anni la Cassazione aveva emesso un giudizio in tal senso, il quale è stato solo recentemente recepito per via della distanza geografica che separa le due istituzioni. Nell’attesa d’un utile chiarimento – dice ancora Daverio – Rai ha seguito percorsi dissonanti chiedendo da un lato di iniziare la produzione 2011, indicandone i tempi di consegna e annunciandola pubblicamente nella presentazione del palinsesto, mentre dall’altro evitava di stendere un contratto che si trovava nel trivio d’una scelta dilaniante fra appalti, incarichi e acquisti”.  “Le truppe di Passepartout sono state incoraggiate nel loro impegno dal direttore che le esortava a tenere puliti i ponti e lucidi gli ottoni mentre egli stesso, affezionato capitano, era già sulla scialuppa di salvataggio che lo portava verso un altro bastimento”, continua Daverio, alludendo probabilmente al passaggio di Paolo Ruffini a La7 (dal 10 ottobre). “Si è lavorato sodo, si è speso parecchio in risorse umane e economiche; le casse si sono svuotate. Perso ogni riferimento e dopo vani tentativi di ripresa di contatto, la ciurma, ormai senza viveri, si è dissolta nel naufragio”, conclude. “La pallottola vagante del caso Dandini ha fatto il resto”.

[fonte: ANSA].

29 July 2011 | Ark.inU Info

3 ANNI.

Con questa stagione si chiude il terzo anno di Ark.inU Blog! Pensare che questo progetto era nato facendo due chiacchiere tra studenti. Ora il blog ha un numero discreto di visitatori e speriamo che in futuro continui a crescere la vostra partecipazione; la cosa più preziosa per un blog. Spero che un giorno qualcuno di faccia avanti per iniziare a scrivere per il blog, posti da redattore ce ne sono molti! Fino al qual momento io andrò avanti con il compito prefissomi, sperando sempre fornisca ispirazione. Grazie a tutti, buona estate!!! Ci si rivede a settembre con tante notizie e sicuramente tante novità!!!

16 May 2011 | Ark.inU Info

Abitare: 50 anni.

Subito dopo aver pubblicato un altro dei suoi monografici questa volta interamente dedicato a Zaha Hadid, Abitare con il nuovo numero in uscita festeggia il suo cinquantesimo compleanno dedicando l’intera rivista al design italiano, vecchio e nuovo; una rivista, Abitare, che non è mai stata pretenziosa, una rivista per professionisti ma anche per “amatori” dell’architettura, dell’arte o della fotografia. Con la sua “FestArch”, tra Perugia e Assisi il 2-5 giugno Abitare festeggerà pubblicamente con incontri, conferenze e anche workshop. Un numero da mettere sullo scaffale dunque.